La relazione tra natura e fotografia

La relazione tra natura e fotografia

Il mondo naturale è di una bellezza immensa. E da quando esiste la fotografia, ci sono stati fotografi che hanno cercato di catturarla in tutto il suo splendore, celebrando, incarnando e raccontando storie sugli elementi naturali della Terra.

Se avete mai preso in mano una macchina fotografica, probabilmente prima o poi avete puntato l’obiettivo sulla natura. C’è sempre ispirazione da trovare all’aperto, da ampi paesaggi a primi piani di piante, fiori e animali. La fotografia naturalistica è una fonte inesauribile di meraviglia, che mette in luce alcune delle parti più magiche di questo pianeta che chiamiamo casa.

Che cos’è la fotografia naturalistica?

La fotografia naturalistica è un genere di fotografia incentrato sugli elementi dell’ambiente esterno. I soggetti specifici possono essere il cielo, l’acqua e la terra, oppure la flora e la fauna che abitano questi spazi, o entrambi. Molti hanno evoluto questo concetto documentando il rapporto che c’è tra uomo e natura.

Sebbene gli obiettivi di ogni singolo fotografo possano essere diversi, molti cercano di educare gli spettatori attraverso il loro lavoro su quanto sia bella – e quanto meriti di essere conservata – la natura e l’ambiente che ci circonda. In questo modo, condividono con le persone luoghi e punti di vista unici che altrimenti non avrebbero mai potuto conoscere, ricordando a tutti noi quanto siamo fortunati a vivere in un habitat naturale così straordinario e vario.

Ci sono molti posti dove guardare foto che hanno come tema centrale l’ambiente e la natura. Internet è un grande contenitore e, ad esempio, vi invitiamo in questo mese di agosto a seguire la nostra pagina Instagram, agenzia:fotogramma. In collaborazione con la Repubblica, vi portiamo in un viaggio nel verde periferico di Milano tra boschi, cascine e parchi con l’intento di mostrarvi e raccontarvi storie di persone e realtà nate per preservare la bellezza che ci circonda.

Tipologie di fotografia naturalistica

La natura stessa è estremamente sfaccettata, quindi non sorprende che esistano diversi tipi di fotografia naturalistica. Questi tipi sono spesso considerati generi a sé stanti, con tecniche, strategie, stili e opere famose che incarnano ciascun campo.

Fotografia della fauna selvatica

Gli animali sono una parte della natura importante quanto la terra e l’acqua. La fotografia naturalistica punta l’obiettivo su di loro, mettendo in evidenza gli animali (generalmente non addomesticati) nel loro habitat naturale, ovunque esso sia.

I fotografi naturalisti devono mettere in campo una serie di competenze chiave, oltre alla fotografia in sé. Infatti, una caratteristica fondamentale di questo tipo di fotografia è lasciare gli animali indisturbati, catturando non solo l’aspetto degli animali selvatici, ma anche il modo in cui abitano il loro spazio. Ciò richiede di solito una profonda comprensione dei comportamenti, delle abitudini e degli habitat di un soggetto animale, nonché la capacità di scattare fotografie senza interferenze dirette.

Per questo motivo, i fotografi professionisti di animali selvatici devono spesso affidarsi ad attrezzature e pratiche specializzate, investendo talvolta migliaia di dollari e giorni, settimane, mesi o addirittura anni della loro vita per ottenere l’unico scatto perfetto.

Fotografia di paesaggio

La fotografia di paesaggio è uno dei sottoinsiemi più riconoscibili della fotografia naturalistica. Comprende qualsiasi fotografia che mostri un’intera scena all’aperto, sia che si tratti di una vasta vista di una catena montuosa o di un angolo di foresta catturato nell’ora d’oro. I soggetti di interesse vanno dal luogo stesso – una fattoria, un campo, un frutteto, una spiaggia o una grotta, per esempio – agli oggetti fisici che vi si trovano (alberi, colline, rocce, animali selvatici e così via). Anche la luce e le condizioni atmosferiche giocano un ruolo importante in questo tipo di fotografia, con sottili cambiamenti nel periodo dell’anno o nell’ora del giorno che hanno un effetto profondo sull’opera complessiva.

Poiché catturano così tanto in una sola volta, le fotografie di paesaggi sono state a lungo utilizzate per sostenere gli sforzi di conservazione. C’è persino un nome per questo: fotografia di conservazione, che si riferisce alle immagini di paesaggi utilizzate con l’esplicito scopo di promuovere l’empatia per il mondo naturale. Non tutte le fotografie di paesaggi sono scattate con l’obiettivo della fotografia di conservazione, ma qualsiasi immagine che mostri la meraviglia del mondo può raggiungere questo obiettivo. Ciò significa che tutti noi possiamo usare le nostre macchine fotografiche per stimolare un maggiore apprezzamento per l’ambiente tra noi e gli altri.

Fotografia floreale

I fiori sono una delle creazioni più belle della natura e la fotografia floreale li mette a fuoco in modo estremamente dettagliato. Conosciuta anche come fotografia di piante, fotografia di giardini o fotografia botanica, si basa molto sulla composizione per fornirci uno sguardo più profondo su qualcosa che potremmo vedere ogni giorno ma di cui non notiamo tutte le sfumature.

In questo senso, si differenzia dalle fotografie naturalistiche di spiagge nascoste e specie animali rare, poiché il soggetto è uno di quelli che la maggior parte di noi conosce bene. Catturando i fiori in modi nuovi, tuttavia, la fotografia delle piante ci permette di apprezzare nuovamente le fioriture che ci circondano, dalle comuni margherite di un cortile di periferia alle straordinarie orchidee fantasma delle foreste allagate della Florida

Fotografia dei mari

La fotografia dei mari è un sottoinsieme del paesaggio generale, ma ci sono alcune distinzioni importanti. Per cominciare, il mare è un soggetto in continuo movimento, con onde, spruzzi e riflessi di luce che dipingono immagini diverse sull’acqua di momento in momento. È anche un po’ complicato dal punto di vista logistico e richiede un’attrezzatura specializzata in grado di sopportare il bagnato.

Per molti versi, le fotografie dei mari si basano tanto sul movimento di cui sopra quanto sulla vastità dell’acqua stessa. È qui che entra in gioco l’uso strategico dei tempi di posa. I tempi di posa vengono rallentati per catturare onde e increspature senza sfocare l’inquadratura e possono essere ulteriormente modificati per attenuare il movimento nell’inquadratura e far apparire l’oceano più sereno di quanto non sia in realtà. Questo tipo di fotografia si differenzia dalla fotografia di paesaggio marino, nonostante i nomi simili, poiché il mare è un soggetto intrinsecamente più calmo dell’oceano.

Macro

Sfogliando gli esempi di fotografia naturalistica ci si imbatte sicuramente in molte immagini macro. La fotografia macro si riferisce semplicemente a immagini ravvicinate di soggetti di piccole dimensioni, con una composizione in scala tale da farli apparire a grandezza naturale nell’inquadratura. Gli insetti sono un obiettivo popolare per i fotografi macro e possono apparire sorprendentemente maestosi quando vengono messi in una prospettiva così estrema.

Un obiettivo macro è indispensabile per questo tipo di fotografia, poiché lo zoom da solo non basta. Il lato positivo è che è possibile acquistare obiettivi macro a prezzi accessibili che si collegano alla fotocamera esistente, anche se si scatta con uno smartphone.

Giornata della fotografia naturalistica

Tenutosi il 15 giugno e supervisionato dalla North American Nature Photography Association (NANPA), il Nature Photography Day è un’opportunità per i fotografi e gli amanti della natura di tutti i giorni di unirsi e condividere il loro entusiasmo per le immagini della natura selvaggia. È un evento annuale progettato per promuovere questo settore della fotografia e l’importanza vitale del suo ruolo nel promuovere la causa degli sforzi di conservazione. È anche la giornata ideale per cercare ispirazione per i propri progetti.

Come celebrare la Giornata della fotografia naturalistica

Il modo migliore è prendere la macchina fotografica e scattare all’aria aperta. Potete anche approfondire la vostra formazione sulla fotografia naturalistica e di conservazione, portare la vostra macchina fotografica con voi in una caccia al tesoro nella natura e sfogliare il lavoro di fotografi famosi.

Ancora meglio: condividete tutto ciò che fate e imparate con gli altri sui vostri account di social media e aiutate i vostri amici, familiari e follower a diventare altrettanto informati sulla fotografia naturalistica e sul motivo per cui merita di essere celebrata.